Termovalorizzatore

Il termovalorizzatore di Torino, a servizio, oltre che della Città anche di buona parte della Provincia, è un impianto finalizzato allo smaltimento di rifiuti attualmente non recuperati, che valorizza l’energia in essi contenuta, producendo elettricità e calore, e rappresenta l’anello conclusivo (oltre al conferimento in discarica che dovrà peraltro via via sempre più ridursi) del sistema integrato di gestione dei rifiuti in provincia di Torino. L’impianto si sviluppa su tre linee di combustione e depurazione fumi uguali e indipendenti e dispone, inoltre, di un sistema di monitoraggio indipendente delle emissioni, costantemente sorvegliato da ARPA. Il termovalorizzatore può operare in assetto solo elettrico producendo annualmente l’energia corrispondente al fabbisogno di circa 175.000 famiglie di tre persone, oppure in assetto cogenerativo, cioè fornendo sia energia elettrica sia termica per il teleriscaldamento, generando ogni anno l’energia termica in grado di scaldare 17.000 abitazioni da 100mq e l’elettricità per il fabbisogno di circa 160.000 famiglie. Il recupero dell’energia contenuta nei rifiuti permette, quindi, il risparmio di circa 70.000 t/a di combustibile tradizionale.

  • Provincia di Torino
  • Verifica di Progetto
  • 2005 - 2006
  • Torino
  • Ambiente, Industria, Impianti

Referenze correlate

[tot: 0.63s. (+0.63s.)] [sql: 0.46s. (+0.46s.)] [mem: 930.4k (930.40k)]